mercoledì 7 marzo 2012

Laboratorio Giornalino scolastico


Laboratorio giornalino scolastico
                   “ "Mianotizie”
          
       
La scuola elementare dell’istituto comprensivo”Taddei-D’Acquisto”ha progettato uno specifico laboratorio per la realizzazione di un giornalino scolastico con cadenza mensile attivato in orario extracurricolare La costruzione di tale attività mira a valorizzare le potenzialità di ciascuno, aprendo nuove frontiere all’esperienza scolastica e un impegno professionale innovativo nell’attività dei docenti,mediante una dimensione organizzativa e metodologica proiettata sulla ricerca –azione.Ci si propone di ampliare le modalità di comunicazione con il ricorso a forme di linguaggio scorrevole,immediato ed efficace al fine di permettere l’espressione di eventi anche complessi con codici stimolanti.Gli elementi linguistici saranno correlati da immagini costruite dagli stessi”giornalisti in erba”.Vignette,scenette,simboli saranno anticipatori o chiarificatori dell’esperienza trattata.Si farà ricorso all’uso dell’intervista,a questionari,a ricerca di notizie per attivare una sinergia tra scuola e famiglia.La raccolta di materiale offrirà al bambino un’ampia gamma di possibilità su cui esercitare la propria capacità decisionale nell’affrontare situazioni diverse da trasmettere all’intera comunità scolastica.Il giornalino,infatti,sarà distribuito in tutte le classi della scuola elementare e ,alcune copie,nella scuola media appartenente all’Istituto,avviando così,in modo naturale,una relazione interscolastica accettabile.
                                                                       
                                                 
                  Organizzazione

In conformità al D.M.n.179 del luglio’99,art.I ter lett.C”articolazione del gruppo classe”sono stati formati gruppi di alunni delle classi III-IV-V-sollecitati a sperimentare insieme un’attività stimolante perché alternativa ai mezzi comunicativi tipicamente scolastici.Si prediligono l’analisi critica e consapevole di comportamenti sociali attraverso le rubriche che sono state prescelte:1)educazione alla legalità,2)pillole di bon ton,3)cronaca di quartiere,4)cronaca scolastica.
Gli alunni lavorano in sottogruppi,guidati mediante interventi indiretti da un insegnante coinvolto nel progetto.L’argomento da trattare viene scelto liberamente tra quelli suggeriti dagli stessi alunni.


                   Soggetti coinvolti
                                                                                            



Alunni   delle classi quarte e quinte che  vorranno aderire e  docenti interni nel rapporto 1 a 8.

                      Finalità educative


Sviluppo delle capacità creative i comprensione a tutti i livelli:
1)maturare la conoscenza di sé in rapporto agli altri;
2)comprendere il potere comunicativo della scrittura;
3)sviluppare le potenzialità di ciascuno dal più svantaggiato al più motivato;
4)allargare idee ed esperienze stimolando nei ragazzi l’esigenza di prospettare vari modi di pensare e di vivere,maturando la capacità di cambiare qualcosa (pensiero divergente);
5)favorire l’integrazione,cercando di prevenire la dispersione scolastica;
6)confrontare diversi tipi di linguaggi:politico,sportivo,pubblicitario,scientifico,attraverso le varie rubriche trattate;
7)capacità di comprendere e di individuare il messaggio adeguato;
8)favorire la scuola come luogo alternativo alla strada,nelle ore pomeridiane, dove possono0 trovare risposte alle loro esigenze di crescita.


              Obiettivi didattici


1)ampliare le opportunità informative sia in senso qualitativo che quantitativo;
2)consentire processi di apprendimento diversificati anche mediante strumenti e linguaggi alternativi;
3)recuperare le abilità di base dei ragazzi in difficoltà;
4)potenziare le capacità espressive e logiche;
5)far ricercare nuove forme di espressione e di linguaggio per la comunicazione;
6)avviare all’analisi della realtà sociale;
7)affinare la  capacità critica;
8)rielaborare le capacità di sintesi;
9)incoraggiare la capacità di revisione del testo e di autocorrezione;
10)uso delle attrezzature specifiche;
11)comprendere che la libertà di espressione è un diritto irrinunciabile di ciascun individuo art.21/C.


                     Strumenti
           



1)materiale di facile consumo;
2)registratori;
3)computer(programma word)


                            Tempi


Il laboratorio è attivo il secondo e l’ultimo giovedì di ogni mese da gennaio a maggio.Ogni incontro ha la durata di due ore.Il progetto si svolge in orario extracurricolare dalle ore 13-alle ore 15.I docenti attingono per l’incentivazione dal fondo d’Istituto


                           Verifica


 il  Le attività di verifica vengono condotte su due piani:
a)per l’acquisizione di nuovi concetti;
b)per mettere alla prova il possesso delle abilità esercitate
.Si chiede pertanto agli alunni di essere autonomi nella realizzazione degli articoli giornalistici.
Gli atteggiamenti,i comportamenti,l’uso consapevole del linguaggio verbale e iconicodegli alunni  sono oggetto di osservazioni sistematiche da parte dei docenti per verificarne il graduale miglioramento.



  

                    Conclusioni

Si tende ad educare gli alunni coinvolti alla dimensione estetica dell’apprendimento,ovvero nel ritrovare stupore nel gusto del sapere,creatività in argomenti imprevisti,curiosità nello scoprire cultura,nel conoscere cose, persone,per aprirsi all’avventura del nuovo,nell’ottica di un sapere dinamico in una società multimediale ed in rapida  e comtinua evoluzione.


Nessun commento:

Giochiamo a fare gli scienziati

Martina S. e Martina  L. a casa hanno ripetuto l' esperimento eseguito in classe lo scorso anno:     "L'aria pesa" ...