venerdì 28 agosto 2015

La rivolta dei segnali stradali

La rivolta dei segnali stradali di [Silvestri, Concetta] 

Sinossi

I segnali stradali sono stanchi di essere ignorati! Il segnale delle strisce per disperazione comincia a parlare a dei bambini che rischiano la vita mentre stanno per attraversare la strada che li deve portare a scuola.Così tutti i segnali si ribellano all'indifferenza dei pedoni e degli automobilisti. S i presentano al pubblico singolarmente con versi in rima spiegando il loro ruolo. Fanno cortei e scandiscono slogan ritmati di protesta, con la speranza di non essere più invisibile agli occhi di tutti
 
La rivolta dei segnali stradali
di Concetta Silvestri


                                      I scena

               La scena si ambienta in strada , un bambino sta per attraversare la carreggiata             ignorando  le strisce pedonali, a questo punto il segnale stradale, che le indica,  comincia a ribellarsi

Segnale delle strisce (Afredo): Ehi voi, dove andate?
                                Andrea si guarda intorno e non vede nessuno
Segnale delle strisce (Afredo):: Ehi, dico proprio a te?
Carmine: Mamma mia , che  fine che ho fatto….mi sono inzallanuto….. sento delle voci!!!
                               Arrivano nel frattempo Maria e Giovanni
Segnale:Giovanotto, sono qui!
Carmine: Ma voi vedete qualcuno?
Gianfranco: No!
Antonio: Andrea e dai smettila con questa storia degli spiritelli….
 Carmine: Se volevi fare una battuta, rido!!!Eh,eh,eh, basta ho riso troppo!!!
Segnale: RAGAZZI?????
Carmine:Mamma mia , qua ci sono i fantasmi e questo è anche un tipo nervoso!!!
                                   I bambini cominciano  a tremare…
Segnale:Eh…e come siete  fifoni, è vero che quasi nessuno mi vede…. ma alcuni mi conoscono bene e mi rispettano
Carmine  :Ma anche noi ti rispettiamo!
Antonio: Su bambini, da bravi fate vedere al … signore…qua(con la mano si gira ora da una parte ora dall’altra per indicarlo) al signore  qui… come lo rispettiamo…
Tutti e tre: Buongiorno signor fantasma!!!!!
Segnale:Ora mi offendete: Io non sono un fantasma,  sono un segnale in paletto e dischetto , tutto a norma di legge!!!
Antonio (dice sottovoce ai compagni):E meglio assecondarlo altrimenti questo ci manderà all’inferno…
Carmine (tremante con la voce): E chi meglio di lui conosce la strada…..
Gianfranco:: Dimmi come sei fatto, così non ci  spaventiamo  troppo,  quando ti vediamo
Segnale:Sono alto, molto alto…..
Antonio: Già questo fatto non mi piace...e poi…(trema con la voce)
Segnale:Sono secco, molto secco…..
Carmine (si rivolge ai compagni):E manco questo mi piace….(cominciano a tremargli le gambe)
Segnale:Ho una faccia bianca e rossa
Gianfranco: A meno male ,qualcosa di normale!!!
Segnale:Il mio viso è a forma di triangolo
Carmine: Triangolo? Triangolo!!!(con la voce spaventata) Mamma …. Voglio la mamma!!!!!(Il bambino comincia a piangere)Era meglio che me ne stavo a casa stamattina!!!!!!
Segnale:Certo, meglio se stavi a casa , se cammini sempre così per la strada sarebbe meglio per te e per gli altri che   ti chiudessero dentro …
Carmine:Eh,  non esageriamo mica mi chiamo Bush … io?????…….
Segnale:Io detesto  tutti quelli come te!
Carmine: Detesto ?...che parola grossa …calmo….. stai calmo….
Segnale: Sì perché quelli come te  fanno solo guai!!!
Bambino:Io…ma quando mai…. Mi hai confuso con qualcun altro, vedi tu forse sei un fantasma un poco antico,  oggi tutti i bambini si somigliano , mi avrai preso per il compagno mio, sai Gigi, quello antipatico, quello che sa sempre tutto e non  lo sopporta nessuno, quello…..quello ne combina di tutti i colori … è  quello che fa sempre guai….
Segnale:Non cercare di difenderti parlando male degli assenti…ahhhhhh, ….ma tu non solo non sai camminare per la strada, non sai nemmeno  campare….!!!!....E già …. dimenticavo che tutto si collega ….chi non rispetta le regole della strada è uno che non rispetta nessuno …!!!!
Gianfranco: Come parli bene….Sarai stato una persona molto buona quando ….eri in  …Mamma mia… ma siamo diventati pazzi…., stiamo parlando da soli … o stiamo parlando con un….
Antonio:Ma è chiaro ragazzi…stiamo parlando da soli…è palese…
Segnale:Non offendete i miei attributi….palese…è chi ha i pali…e modestamente io ne tengo uno molto bello….pulito …. sistemato, ben impiantato a terra e non come certi pali …..che cadono addosso….lasciamo stare …non c’è più dignità nemmeno tra di noi…….insomma …. se c’è qualche palese in giro ….quello sono io e su questo non si discute….
Antonio:Certo…certo…( si rivolge ai compagni).tiene pure un palo in mano!!!!
Gianfranco: Abbiamo acchiappato il fantasma armato!!!
Carmine:Io corro a casa…
Gianfranco:: Anch’io…
Antonio:Io vi indico la strada….!!!
Segnale : (gridando a squarciagola)Fermi….
Tutti e tre insieme:Aiuto!!!!!!
                      Arrivano Simone, Rocco e Salvatore che si guardano intorno e cercano di capire
Segnale:Aiuto!!!! Avete detto “aiuto!!!Vai a fare bene … a questo mondo!                     Maria si agita e spiega ai nuovi compagni cosa sta succedendo
Gianfranco: C’è un fantasma alto alto, secco secco ,con la faccia a triangolo!
Salvatore: E quello è il mio amico Pasqualino!!!
Carmine: Non scherzare quello parla,  parla e nessuno lo vede!!!
Rocco:Ah, ho capito è la nostra maestra di matematica?
Continua a leggere su AMAZON

Nessun commento:

Giochiamo a fare gli scienziati

Martina S. e Martina  L. a casa hanno ripetuto l' esperimento eseguito in classe lo scorso anno:     "L'aria pesa" ...