martedì 3 aprile 2012

non so scrivere !!!Non so leggere!!!

Sommario
                          Non so scrivere              
                               Consigli                     
                        Gioco delle sillabe   
                       Via le paginette   !!!   
               La storiella del "chi "e del "che"     
                        Eventuali scuse   
                                


             Non so scrivere!!!!
            Non so leggere!!!
                                                
Pasquale,un mio nuovo alunno,
il primo giorno di scuola  ,
                    
mi dice: Maestra è inutile che mi
dici di prendere il quaderno…
tanto non so fare niente!!!!  
                      
 Bene,-gli  rispondo -meno   male ,
  altrimenti cosa avrei fatto io a scuola?

Consigli di una maestra irrequieta

  Consigli   
         di una maestra irrequieta      
                     
1.Attacca alla parete
tutto l’alfabetiere,compreso  
 i digrammi;
2.     leggi con loro , ogni mattina ,
tutte le letterine ,come un gioco
salutiamo le nostre letterine
che sono state sole tutta la notte!!!”         
                      
3.     presenta,nella forma scritta, 
 prima,  le vocali,una al giorno,
non soffermarti troppo su una
lettera ,
il bambino si scoccia ,vuole novità;
4.           presenta, poi, una consonante
 al giorno e organizza il .........
             "Gioco delle sillabe”
1.distribuisci a cinque bambini
un foglio con le cinque vocali,
ognuno appoggerà   sul petto
la letterina assegnata , per
farla vedere ai compagni,
2.distribuisci ad altri cinque 
  bambini cinque consonanti
                     "b “
3.poni ogni bambino con una
vocale , di fronte al bambino
con la consonante e
cantate la canzoncina
(il motivo te lo inventi):
Un giorno le vocali
a- -e- -i- -o -u  
andarono nel bosco e
incontrarono la "b" ,
si misero a braccetto
(consonante e vocale
si mettono sottobraccio)
e cantavano così:
              ba, be, bi, bo, bu.
Chiama qualcuno ad indovinare
qual è la coppia ba, be,
e così  di seguito….
Ripeti il gioco con tutte
le consonanti ogni giorno e….
imparare a leggere sarà un divertimento.
                            

Rendi affascinate l’apprendimento,  stupendo i bambini con le novità…
Quando devi presentare
la  per esempio,
porta a scuola l’uva,
nascondila e poi chiedi :
                   
chi mi sa trovare una parola
che comincia con
 la  ?
Sicuramente   a qualcuno
uscirà “Uva” e  a quel punto
 presenterai l’uva come qualcosa
di magico che è comparsa
all’improvviso.
Dopo gliela farai assaggiare….
Se poi ti vuoi sbizzarrire ,
puoi anche   farla schiacciare e  
metterla in una bottiglia ,così
farai vivere loro   l’esperienza di
aver fatto il vino e puoi far
scrivere la frase 
         "con l'uva si fa il vino".
  

Via le paginette

   
                                                                                            

Non annoiarli in classe con la
scrittura di una paginetta che
li  demotiva e li fa annoiare ,fai così:
                      
1.                   Alla lavagna disegna il rigo
 piccolo del quaderno e scrivi
lentamente ….descrivi i
movimenti che fai con la mano:       
”scriviamo la A….
saliamo    saliamo...
scendiamo scendiamo…
mettiamo il trattino
(per la “a “stampato)
oppure
 facciamo un tondino….
aggiungiamo la manina
( per la “a”   in corsivo)…    
2.                   comincia con lo stampato
 per poi passare al corsivo
sempre con lo stesso sistema.

3.                   Scrivi su dei cartoncini
il nome e cognome del bambino,
da un lato in stampato e
dall’altro in corsivo e faglielo
copiare ogni giorno ,a fine
lavoro , cioè   dopo la copiatura
dalla lavagna.
4.Per la lettura globale prova
 a vedere chi riconosce il
suo cartellino.
Se non lo ricordano
non mortificarli,
l’insuccesso li demotiva non li stimola.
                               

La storiella del chi e del che 
Presenta i suoni chi e che insieme ai
suoni
suoni  ca co cu, raccontando  la
seguente  storiella ,per dare vivacità
alla lezione e far sentire le letterine
come qualcosa di animato.
(Devi   stimolare  la loro fantasia
 e alimentare  il clima di gioco
che è necessario  creare nella
classe)
Un giorno la letterina "c"
incontrò nel
bosco   la "a" si misero a braccetto
e si chiamarono "ca" e nacquero
le paroline "casa" "cane"...,
così successe con la "o"  e  si
chiamarono "co",nacquero 
 le  paroline "cono" -"coda"
 e con la "u" e si chiamarono
"cu" e  nacquero le paroline 
"cucina" "cuore".
Ma quando si avvicinò la
"e" la situazione
precipitò ,perchè
alla "c" era antipatica
la "e",.... perchè????
 Perchè è troppo
complicata nella forma, é
vero bambini?
Si sale...si gira si
incrocia
si scende...troppo
difficile!!!!!
Tanto che abbiamo dovuto
disegnarla per terra e
camminarci sopra per
capire i movimenti...
vi ricordate bambini?
E così la "c" cominciò
litigare , tanto che la
sentì la "h" , la letterina
fatina , che vuole sempre la
pace,così si mise
tra   loro due e la "c" si
calmò perchè con la "h "
in mezzo non vedeva più
la "e",
nacque il suono "che"
di chele , di cherubino.
Fai attenzione,  quando richiami il suono
che  ,non dire "che si scrive con la "c"di cane
ma  con la "che" di  chele, è molto importante che
il bambino associ quel suono a quel disegno.
(Continua la storiella  con la chi  indicando la
"i" come quella vocale antipatica che con quel
cappellino in testa si dà sempre tante
arie......Ripeti tutto con la "g";)         
 
                                                                        

Nessun commento:

I Sumeri: dai pittogrammi alla scrittura cuneiforme

Dopo aver conosciuto l'alfabeto sumero cuneiforme , dopo aver cercato su google cosa è un cuneo.. i bambini hanno scritto il loro nome ...